GLI OBIETTIVI DELLA MEDICINA DEL LAVORO

stetoscopio

La Medicina del Lavoro nasce con l’obiettivo di monitorare la salute dei dipendenti, per tutelarli e proteggerli durante lo svolgimento delle mansioni quotidiane sul posto di lavoro.

Grazie ai principi di Sorveglianza Sanitaria definiti dalla Medicina del Lavoro è possibile garantire a tutti i lavoratori un ambiente sano e sicuro, oltre a un supporto immediato e costante in caso di problemi relativi alla salute e dovuti al lavoro svolto quotidianamente.

In ogni posto di lavoro è fondamentale, quindi, definire gli strumenti necessari per fronteggiare le criticità di sicurezza specifiche e a tutelare la salute.

Gli strumenti della Medicina del Lavoro

La Medicina del Lavoro opera in base a un regolamento specifico, che richiede la messa in atto di una serie di punti che definiscono un programma di monitoraggio continuativo della salute sul posto di lavoro.

Per prima cosa va fatta una Valutazione dei Rischi: questo permette di identificare tutte le criticità presenti sul posto di lavoro e che possono essere fonte di problemi per la salute, facendo attenzione a calibrare le risposte e le strategie di intervento in base alla tipologia di rischio e all’organizzazione presente sul posto di lavoro.

Altro punto fondamentale è la formazione dei lavoratori: è necessario informarli dei rischi presenti sul posto di lavoro e fornire loro la corretta formazione per l’utilizzo di attrezzature o strumenti che richiedono competenze specifiche.

In ultimo, ogni dipendente deve poter fare riferimento a un Medico del Lavoro, una figura formata per lavorare in azienda, e in grado di monitorare la salute del personale.

Il medico del lavoro, come è regolamentata le visite?

Il Medico del Lavoro si occupa per prima cosa di verificare l’idoneità di ogni dipendente al lavoro che è chiamato a svolgere, monitorando le condizioni di salute e intervenendo in caso vengano alla luce difficoltà.

Inoltre, vanno verificate le condizioni di salute in rapporto alle criticità riscontrate durante la valutazione dei rischi, criticità che possono variare molto a seconda della tipologia di posto di lavoro, e che spesso sono la causa dello sviluppo di patologie, che possono avere esiti molto seri.

  • Esposizione ad agenti chimici
  • Esposizione prolungata a suoni e rumori
  • Esposizione ad agenti biologici
  • Infortuni
  • Lavoro notturno
  • Stress lavoro correlato

Questi sono tutti fattori di rischio che devono essere tenuti in considerazione per accertarsi delle buone condizioni del personale grazie alle visite mediche aziendali, nell’ottica di un rapido intervento in caso di possibili patologie sviluppate a causa delle mansioni svolte dai dipendenti.

Gruppo Minerva

A COSA SERVE LA FORMAZIONE IN APPRENDISTATO?