Validità degli attestati di formazione

responsabilità del datore di lavoro

La sicurezza sul lavoro si base sulla formazione e l’educazione, ma anche la qualità e la validità degli attestati di essa sono tanto importanti quanto il resto.

Per arrivare ad un’adeguata formazione ed educazione, è necessario seguire i corsi di formazione.

I corsi possono essere online o in aula, ma è di vitale importanza, poiché c’è in gioco molto più dell’etica morale, capire la qualità e la validità di questi.

Attenzione alla Contraffazione.

Gli attestati devono dunque riportare dei contenuti necessari, da cui potremmo trarre delle conclusioni sulla qualità del servizio fornito.

Come riconoscere la qualità e la validità degli attestati:

Contenuti minimi degli attestati.

  • Contenuti della formazione.
  • Anagrafica del frequentante.
  • Anagrafica del soggetto erogatore
  • Anagrafica del soggetto patrocinatore.

Inoltre deve esservi indicata la durata del corso, dove è stato svolto e da chi è tenuto con relativa firma del frequentante.

La qualità e la validità degli attestati è verificabile e saperne distinguere uno contraffatto da uno originale ci può aiutare a coltivare la cultura della sicurezza.

Per essere valido, l’attestato deve riportare gli estremi normativi.
La Regione, di fatti, verifica che su ogni attestato vi sia tutto ciò che è sopraindicato e la correttezza della tenuta dei registri di presenza.

Per esempio, se non sono indicati gli argomenti effettuati durante le lezioni i corsi sono stati considerati nulli.

Anche se a volte accade che con una dichiarazione sostitutiva di atto notorio, nel caso in cui gli attestati originali siano stati perduti, le copie possono essere archiviate senza troppa lentezza burocratica.

Bisogna essere consapevoli dell’importanza della precisione in casi come questi.

E’ importante che tutto sia chiaro, definito, organizzato e riportato.

E’ grazie alla precisione e all’onestà che sono definite le cose più ambigue ed è grazie a queste che possiamo contare su una formazione valida e riconosciuta.

Attenzione però, alcuni attestati, non sono più validi se seguiti come corsi on line, per esempio la formazione delle squadre di emergenza.

Altri oggetti della formazione invece non vengono distinti, perché?

Sarebbe giusto, a discrezione dell’ente che controlla, un’indicazione aggiuntiva sulla forma del corso se on-line o fisico. Appunto perché questo potrebbe comportare un ulteriore punto di riferimento per le aziende, che si espongono a determinati rischi senza sapere che l’attestato è stato conseguito sul web magari con pressapochismo.

Non si tratta di terrorismo psicologico, ma dovete pensare che lavorare è come lanciarsi da un aereo, la sicurezza sarà il vostro paracadute, sareste disposti a lanciarvi senza di essa, ovvero con un paracadute che non avete controllato?

I valori valgono più della semplice carta.

Gruppo Minerva

Leave a Comment

You must be logged in to post a comment. Click here to login.

I D.P.I. non sono un accessorio facoltativo Sicurezza senza esclusioni di genere