RESPONSABILITÀ DEL DATORE DI LAVORO – RSPP

responsabilità del datore di lavoro

Quando parliamo di sicurezza e delle responsabilità del datore di lavoro (che può coincidere o meno con l’R S P P), dobbiamo porre un particolare accento sul vertice della piramide aziendale. Chi conduce un’azienda ha una serie di obblighi da ottemperare, ci sono responsabilità da portare avanti e rispettare che fanno capo direttamente a colui che è il cosiddetto boss.

Le responsabilità del datore di lavoro, non solo sicurezza sul lavoro

L’amministratore di un’azienda è responsabile delle proprie scelte e di quelle di tutta l’impresa, e le compie cercando di muoversi al meglio in un mercato difficile e ostico. L’azienda, attraverso flussi di informazioni e denaro è costantemente connessa con l’ambiente che la circonda e col resto del mondo. Ogni impresa, però, fa riferimento ad una figura che si deve far garante che tutto questo non finisca da un giorno all’altro lasciando la catena rotta in quel punto.

Le tipologie di responsabilità del datore di lavoro

Oltre alle responsabilità meramente etiche e morali, che non saremo noi ad indicarvi, in capo al titolare, per normativa vanno annoverate anche quelle: civili, penali e amministrative.

La responsabilità civile

L’imprenditore è tenuto ad adottare nell’esercizio dell’impresa le misure che, secondo la particolarità del lavoro, l’esperienza e la tecnica, sono necessarie a tutelare l’integrità fisica e la personalità morale dei prestatori di lavoro” – Art. 2087 C.C.

La regola è di adottare le massime misure di sicurezza atte a proteggere il lavoratore e fa capo all’azienda sotto la figura del legale rappresentante la responsabilità civile a risarcire i danni causati al lavoratore.

Responsabilità penale

Il datore di lavoro, ed in alcuni casi, i dirigenti ed il preposto sono responsabili penalmente e quindi anche personalmente. Come dice l’art. 27 della costituzione, la responsabilità penale è personale. Quindi il datore di lavoro che non ha predisposto adeguate misure di sicurezza ne può rispondere anche penalmente.

Responsabilità amministrativa

Il D.lgs. 231/2001, integrato dal TU 81/08, somma alla responsabilità personale quella persona giuridica che non può considerarsi estranea a procedimenti penali. I reati a cui si  attiene questa responsabilità sono di natura grave, se non gravissima, come per esempio l’omicidio colposo, commesso in violazione degli obblighi non delegabili del datore di lavoro.

Volete evitare ogni problema? I nostri consulenti esperti sulla sicurezza sul lavoro vi aspettano!

Gruppo Minerva

Leave a Comment

You must be logged in to post a comment. Click here to login.

SORVEGLIANZA SANITARIA – COS’È E COME FUNZIONA WELFARE AZIENDALE E SICUREZZA SUL LAVORO