Tesi sui sistemi di gestione integrati

Siamo fieri, per la seconda volta di presentarvi una nostra tirocinante, Maria Antonietta Savone, che si è laureata il 23 Novembre 2016 esponendo la sua tesi riguardante la gestione dei sistemi integrati e la loro applicazione all’interno di un’azienda.

Maria Antonietta è stata una studentessa nelle classi del dottor Paolo Ballini (Relatore della tesi) e del dottor Simone Marchi (Correlatore), entrambi docenti presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore a Roma, nonché, soci del Gruppo Minerva.

Come la sig.ina Savone ha evidenziato i sistemi di gestione posso riguardare diversi aspetti aziendali, essi sono insiemi di procedure volte a rendere l’attività aziendale più efficace e a norma di legge.

Si basano su una serie di norme internazionali, le quali sono:
ISO 9001, gestione della qualità;
• ISO 14000, gestione ambientale;
UNI CEI EN ISO 50001, gestione dell’energia;
BS OHSAS 18001, gestione della sicurezza e la salute nei luoghi di lavoro;
SA 8000, gestione impatto sull´etica e sul sociale;
ISO 27001, gestione della sicurezza delle informazioni;

La nostra studentessa ha approfondito quelli riguardanti:
• Ambiente.
• Sicurezza.
• Qualità.

Analizzandoli in un sistema di gestione integrato in un’azienda di imbottigliamento dell’acqua.

Il presente studio di tesi, infatti, concentra l’attenzione sull’applicazione di un Sistema di Gestione Integrato (Sicurezza, Ambiente, Qualità) all’interno di un’azienda.”

L’elaborazione del lavoro si è sviluppato in tre fasi:

1. Introduzione al Sistema di Gestione Integrato, spiegazione del Ciclo di Deming, i modelli di organizzazione e gestione del D. Lgs 81/08 e il processo di audit;
2. Descrizione delle tre norme tecniche BS OHSAS 18001, UNI EN ISO 14001, UNI EN ISO 9001;
3. Studi sull’azienda relativi al periodo antecedente (2009-2011) e successivo (2012-2015) all’applicazione del Sistema di Gestione Integrato.

La tesi che ha sviluppato attraverso il suo elaborato si limita ad analizzare un’unica realtà aziendale, cercando di far capire che il modo di far prevenzione oggi, è cambiato.
La prevenzione non è più effettuata in base alla categoria dei rischi, ma realizzando un sistema sinergico, che abbia obiettivi complementari riguardanti sia la sicurezza, sia l’ambiente, sia la qualità.

Le conclusioni di Maria Antonietta sono state:
Dallo studio effettuato all’interno di un’azienda che si occupa dell’imbottigliamento dell’acqua, possiamo dedurre che l’applicazione di un Sistema di Gestione Integrato (Qualità, Ambiente e Sicurezza), secondo le norme tecniche UNI EN ISO 14001, UNI EN ISO 9001 e la BS OHSAS 18001, è stato efficace ed ha comportato dei benefici.

I benefici, oltre alla diminuzione degli infortuni sono stati senz’altro economici ed hanno migliorato l’efficienza aziendale.

Questo ci dimostra come il nostro lavoro si sia evoluto negli ultimi anni ed abbia portato ad analizzare i problemi, non più singolarmente ma globalmente.

Auguriamo a Mariantonietta il meglio per il suo futuro e ci congratuliamo ancora con lei per il grande risultato raggiunto.

Gruppo Minerva

Mangiare sushi può comportare dei rischi? Le misure che contano